A Napoli il museo di Capodimonte è una visita da non perdere

Sala del Palazzo Reale di Capodimonte

21 gennaio 2013

Tra le tante cose da fare a Napoli, la visita al Museo Nazionale di Capodimonte è un’esperienza da non perdere.
Il Museo si trova all’interno dell’omonimo bosco, nella Reggia di Capodimonte, disegnata dall’architetto Antonio Canevari per volere di Carlo di Borbone.

Il museo di Napoli ospita la pinacoteca più ricca dell’Italia meridionale, e una delle più importanti di tutta Italia: accoglie la meravigliosa Collezione Farnese con dipinti dei grandi pittori italiani dal Rinascimento al Barocco, la Collezione Borgia e la galleria della storia della scuola napoletana.

All’interno del Museo ci sono altre due grandi aree d’interesse: uno spazio dedicato alle famose porcellane appartenenti ai reali napoletani e una sezione di arte contemporanea.

L’ultima esposizione permanente è dedicata alla collezione delle opere donate al Museo di Capodimonte dagli eredi Mele: trentadue grandi ed eleganti affiche che raccontano il gusto e lo stile della belle époque napoletana.

Da novembre è possibile ammirare questi “cartelloni pubblicitari”. Essi vennero commissionati ai maggiori artisti dell’epoca da Emiddio e Alfonso Mele che nel 1889 inaugurarono “I Grandi Magazzini Italiani” , un’azienda di moda e di lusso che diede grande smalto alla città partenopea.

Sono sempre tante le iniziative promosse dal Museo di Capodimonte di Napoli, tra le quali segnaliamo “Pittura e Scienza a Capodimonte”, un ciclo di incontri con studiosi di discipline scientifiche per far incontrare e incrociare, davanti a un dipinto, discorsi e saperi differenti; e l’esposizione di 476 i disegni di Giovanni Lanfranco, preziosamente conservati nel Gabinetto Disegni e Stampe di Capodimonte.